No all'austerità: non darà lavoro ai giovani! 10 miliardi derivanti da razionalizzazioni per aumenti dei redditi da lavoro dipendente
Gustavo Piga
Economista
Bisogna convertire gli immensi sprechi in risorse per la crescita del Paese
Rosella Castellano
Matematico Finanziario
Siamo una nuova realtà politica. Ascoltiamo i bisogni della gente e gli diamo concretezza
Melania Boni
Matematica
Crediamo in uno stato competente ed equo, crediamo nel Rinascimento italiano ed europeo
Sabrina Cassar
Giuslavorista
SI alla contromanovra dei Viaggiatori: 1000 euro al mese per il servizio civile di 250.000 giovani
Federica Mezzatesta
Studentessa
Più tutele alle PMI: per una sana crescita dal basso! Diamo subito ossigeno a imprese e lavoratori riducendo imposte dirette
David Vicario
Imprenditore

#7 Rinascimento italiano

Dopo più di un decennio di decadenza è arrivato il momento che l’Italia si prepari e si avvii verso un nuovo Rinascimento.

Crediamo che il nostro Paese possa cogliere l’occasione che si cela dietro questo difficile periodo di crisi e siamo convinti che sia pronto a inaugurare una nuova fase della sua storia. Possiamo ora guardare al futuro e costruirlo sulla base di 4 pilastri: l’istruzione, la cultura, l’impresa, il lavoro.

L’Italia che immaginiamo, e che contribuiremo a costruire, sarà un Paese in cui poche e chiare leggi regoleranno il vivere civile  e dove sarà sempre rispettata libertà di realizzare le proprie aspirazioni personali e professionali. Sarà un Paese capace di tutelare e promuovere il suo inestimabile patrimonio ambientale, culturale e artistico e in cui i giovani saranno finalmente considerati una risorsa su cui investire e non un problema. Un Paese che rifiuta le mafie e la corruzione, con uno Stato autorevole, equo e trasparente al servizio del cittadino.

LinkToPage: 
#sette_punti-page_1-6